Ferro conico per capelli: Guida all’acquisto

Torna a Blog
ferro conico

Ferro conico per capelli: Guida all’acquisto

Sei alla ricerca del miglior ferro conico per capelli? In questo articolo, noi di piastra-onde.it, parleremo di ferro per capelli analizzando le diverse caratteristiche e tipologie e parleremo in particolare del ferro conico arricciacapelli.

Quand’è che il ferro conico può rivelarsi di estrema utilità per il benessere dei capelli?

ferro conico per capelliLe donne che hanno una splendida chioma liscia, possono decidere di cambiare il proprio look in maniera originale, puntando sui capelli ricci e dando di fatto risalto al fascino intramontabile dei boccoli. Quando si desidera dare un tocco di originalità al proprio look, il ferro conico è sostanzialmente la migliore opzione possibile. La sua comodità è davvero considerevole, visto che, sfruttando appieno il calore, si ottengono onde e boccoli perfetti.

Ferro conico: guida all’acquisto

Noti anche come arricciacapelli, sul mercato sono disponibili una miriade di ferri conici, l’uno differente dall’altro: variabili quali il materiale costruttivo, le dimensioni e le caratteristiche funzionali sono i parametri identificativi di ogni versione. Pertanto, la scelta finale è sempre soggettiva e, sostanzialmente, tende a dipendere dalle esigenze strettamente personali.

Scopri i modelli più venduti >>

Due versioni a confronto: il modello tradizionale vs il modello a gettito d’aria

Sono due in definitiva le macro-categorie identificative di questo accessorio.

La prima, che ha per protagonista il modello classico, si caratterizza per una logica di funzionamento che prevede prima di tutto il riscaldamento della superficie. Solo a questo punto, diventa possibile arrotolare i capelli attorno al ferro. L’effetto onda che si ottiene è davvero sorprendente. Anche chi non ha alcuna esperienza quando si tratta di arricciare i capelli, grazie alla versione tradizionale di ferro conico, ha l’opportunità di imparare quanto prima, ottenendo un risultato da urlo.

Il fattore distintivo di questa tipologia di arricciacapelli risiede nella presenza di specifici ferri conici, in grado di modellare la chioma in base alle proprie preferenze. A differenza dei modelli a doppia e a tripla onda, le versioni coniche di arricciacapelli risultano ancora più facilmente reperibili. Quindi, c’è solamente l’imbarazzo della scelta.

La seconda si contraddistingue per la presenza di una spazzola dalla forma tonda oppure piatta, deputata appunto ad arricciare i capelli mediante un gettito d’aria tiepida o calda. Utilizzare questo modello è cosa semplice. E i risultati si notano subito, visto che i boccoli tendono a conferire alla capigliatura un look originale e assai vivace.

Punta a forma conica: come impiegarla al meglio?

Vista la presenza della punta a forma conica, affinché il nuovo look sia di alto livello, è bene sapere come impiegarla al meglio. In questi casi, il segreto passa dal modo con cui si impugna l’arricciacapelli: occorre, infatti, posizionare la punta più stretta verso il basso, in modo che all’attaccatura dei capelli i boccoli siano più larghi, divenendo più stretti a scendere.

Caratteristiche funzionali

Il segnale acustico ricopre un ruolo di cruciale importanza, per il semplice motivo che regola le tempistiche di arricciatura. Lo stesso dicasi per lo spegnimento automatico, fondamentale affinché non ci si dimentichi di tenere acceso il ferro conico per un lasso di tempo prolungato. La cosa, infatti, non farebbe bene alla salute generale dei capelli. Tutto questo poi non fa altro che aumentare il livello generale di sicurezza, quando si usa questo apparecchio.

La regolabilità della temperatura rientra tra i parametri da considerare in fase di acquisto. Idem per i tempi di raggiungimento della soglie di calore desiderata. Se attorno ai 30 secondi, si è dinanzi ad un modello valido.

Diametro

Anche il diametro del ferro conico gioca un ruolo fondamentale da tenere in considerazione in fase di scelta del prodotto, dato che incide più o meno sensibilmente sulla finezza del riccio. Questo vuol dire che ferri conici di maggiore larghezza garantiscono onde più sinuose e boccoli ancora più vaporosi, rispetto ai modelli più stretti che, invece, si rivelano il non plus ultra in quanto a ricci più fini.

Materiale costruttivo

Per ciò che concerne la qualità costruttiva dei materiali, le soluzioni più in uso relativamente alla piastra del ferro conico vertono sul ricorso alla ceramica, eccellente a livello di protezione del cuoio capelluto e in quanto ad uniformità garantita, alla tormalina, ottima per la sua versatilità ampiamente sopra la media, all’acciaio che sebbene ultra-resistente si scalda un po’ troppo facilmente, al teflon, vantaggioso dato che scivola velocemente tra i capelli, al titanio, per via del raggiungimento rapido ad elevate temperature, senza arrecare danni alle ciocche. Inoltre, i risultati sono ancora più durevoli nel corso del tempo.

Di tutti i materiali appena citati, tuttavia, gli addetti ai lavori consigliano sempre la ceramica come materiale ideale per la costruzione della piastra. Vero è che per riscaldare impiega più tempo, ma in termini di affidabilità la ceramica dà davvero le prestazioni migliori, anche perché il calore si diffonde in maniera uniforme.

Diverso è il discorso inerente all’impugnatura, dove i materiali maggiormente adottati sono la gomma o la plastica dura o ancora per il rivestimento, dove l’impiego perla è sempre più di moda.

Ogni riccio va trattato in maniera differente

Quando si utilizza il ferro conico, ogni specifica tipologia di riccio merita un trattamento dedicato.

Nello specifico, dando per scontato che la punta va sempre rivolta verso il basso, è sempre bene tenere in considerazione che:

      • per ricci più ampi, è opportuno avvolgere la ciocca intorno alla base dell’apparecchio;
      • per quelli più morbidi alla radice, specie se le punte sono ben definite, è il caso di avvolgere ogni ciocca attorno alla parte riscaldata
      • mentre per i ricci più ampi, invece, la ciocca di riferimento deve essere avvolta verso la parte finale;
      • per un effetto ad onda naturale, la ciocca va avvolta su sé stessa con l’intento di formare una sorta di torchon. Dopodiché sarà sufficiente avvolgerla sul ferro, iniziando sempre dalla radice.

Conclusioni

La salute dei capelli è un dettaglio da non sottovalutare. Affinché non risultino sfibrati, disidratati e stanchi, ma al contrario appaiano sempre lucenti, morbidi e setosi, le regole di un corretto stile di vita, a partire da una sana alimentazione, giovano in maniera considerevole. Per il resto, tra i correttivi maggiormente indicati per una chioma bella a vedersi, è possibile intervenire mediante il ricorso al ferro conico. Questa decisione risulta di sicuro apprezzata dalle donne che desiderano un’acconciatura diversa, a seguito di un cambiamento più o meno radicale di stile e di look.

Scopri i modelli più venduti >>

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna a Blog